Tag: nientedavedere

Giuseppe Colombo

Giuseppe Colombo, Mare d’Inverno, olio su tavola, 60×108 cm

ESSENTIAL

 

Nato a Modica nel 1971, Giuseppe Colombo asseconda la sua vocazione artistica con studi specifici, l’Istituto d’Arte a Comiso e poi Urbino, dove sceglie i corsi d’incisione, l’Accademia di Belle Arti di Roma.

Dalla capitale rientra in Sicilia, dove fissa il suo studio, e dove di notevole importanza è l’incontro col nucleo storico del Gruppo di Scicli. L’autore, raffinatissimo disegnatore e virtuoso pittore di paesaggi e figure, costruirà da qui in avanti un curriculum espositivo di sicuro livello, dispiegato in personali e in collettive, tra le quali speciale rilievo rivestono le mostre condivise col Gruppo di Scicli, celebre cenacolo siciliano sorto nel 1981 (in una storia di amicizia e condivisioni di idealità artistiche e pure civili), del quale Giuseppe Colombo è stato parte significativa (ne rappresenta la cosiddetta terza generazione). Col Gruppo di Scicli il pittore modicano espone dalla fine degli anni ’90. Nel 1999 realizza, in collaborazione con Guccione, Roccasalva e Sarnari, il Tondo per il Teatro Garibaldi di Modica.

Numerosi i traguardi e i percorsi espositivi fin’oggi: spazi pubblici, privati, Musei, Istituti culturali in tutta l’Europa e fuori. Negli ultimi anni: 2021, prende parte ad una collettiva presso la Fondazione Pio Alferano e Virginia Ippolito, Castellabate (SA) esponendo un suo d’aprés a pastello in occasione della mostra “Caravaggio Pasolini e altri” a cura di Vittorio Sgarbi. “Le Cento Sicilie-il più ibrido dei continenti”collettiva a cura di Diego Cavallaro e Giuseppe Vella replicata poi nello stesso anno presso la Fondazione Teatro Garibaldi di Modica. Tra novembre e dicembre 2021 si reca ad Helsinki – FI dove produce un edizione litografica di 30 esemplari per Lo Magno artecontemporanea, “Dalla decollazione di San Giovanni Battista” presso Helsinki Litho , prestigioso laboratorio artistico che lo accompagna e ne espone alcune opere uniche.

Oggi vive e lavora a Modica

 

 

EN

 

Giuseppe Colombo was born in Modica in 1971, he studied at the Comiso Art Institute and then chose to study engraving in Urbino. he graduated from the Academy of Fine Arts in Rome.

From the capital he returned to Sicily, where he set up his studio, and where the meeting with the historical nucleus of the Scicli Group was of considerable importance. The author, a highly refined draftsman and virtuoso painter of landscapes and figures, will from here on build an exhibition curriculum of a certain level, unfolding in solo and group exhibitions, among which the exhibitions shared with the Scicli Group, the famous Sicilian cenacle, are of special importance. founded in 1981 (in a history of friendship and sharing of artistic and civil ideals), of which Giuseppe Colombo was a significant part (he represents the so-called third generation). The Modica painter has been exhibiting with the Scicli Group since the end of the 1990s. In 1999 he created, in collaboration with Guccione, Roccasalva and Sarnari, the Tondo for the Garibaldi Theater in Modica.

There have been numerous goals and exhibition paths to date: public and private spaces, museums, cultural institutes throughout Europe and beyond. In recent years: 2021, he took part in a collective exhibition at the Pio Alferano and Virginia Ippolito Foundation, Castellabate (SA), exhibiting one of his pastel d’aprés on the occasion of the exhibition “Caravaggio Pasolini and others” curated by Vittorio Sgarbi. “The Hundred Sicilies – the most hybrid of the continents” collective exhibition curated by Diego Cavallaro and Giuseppe Vella and then repeated in the same year at the Garibaldi Theater Foundation in Modica. Between November and December 2021 he went to Helsinki – FI where he produced a lithographic edition of 30 copies for Lo Magno artecontemporanea, “From the Beheading of Saint John the Baptist” at Helsinki Litho, a prestigious artistic laboratory that accompanies him and exhibits some unique works.

Today he lives and works in Modica

 

TOGETHER

2022: 30×30 Group Exhibition, Lo Magno artecontemporanea festeggia i 30 anni di attività, a cura di Giuseppe Lo Magno e Valeria D’Amico.

2022: “Dalla Decollazione di San Giovanni Battista di Caravaggio”, personale di Giuseppe Colombo, a cura di Giuseppe Lo Magno, testo critico di Rischa Paterlini, Lo Magno artecontemporanea-Modica

2021: “Le Cento Sicilie – Il più ibrido dei continenti”, collettiva a cura di Diego Cavallaro e Tonino Cannata, testo critico di Paolo Nifosì, organizzata da Fondazione Teatro Garibaldi, diretto da Tonino Cannatacollabora Lo Magno artecontemporanea, Ex Convento del Carmine Modica (RG)

2021: “Showcase Exhibition/2”, virtual group exhibition con un tributo a Piero Guccione, curata da Aldo Premoli e Giuseppe Lo Magno, Lo Magno artecontemporanea, Modica (RG)

2021: “Le Cento Sicilie – Il più ibrido dei continenti”, collettiva a cura di Diego Cavallaro e Giuseppe Vella, testo critico di Ivan Quaroni, organizzata dal Parco Archeologico Naxos Taormina, diretto da Gabriella Tigano, collabora Lo Magno artecontemporanea, Palazzo Ciampoli di Taormina.

2020: “Showcase Exhibition”, virtual group exhibition, curata da Giuseppe Lo Magno, Lo Magno artecontemporanea, Modica (RG)

2016 : “The Light of Sicily”, a cura di Giuseppe Lo Magno, testi critici di Thomas Deprez, Lo Magno artecontemporanea – Modica (RG)

Artisti in mostra: Giuseppe Colombo, Giovanni Iudice, Piero Guccione, Giovanni La Cognata, Franco Polizzi, Giuseppe Puglisi e Piero Zuccaro.

2016 : “The Light of Sicily”, testi critici di Paolo Nifosì, organizzata da Lo Magno artecontemporanea e la Francis Maere Fine Arts Gallery con la collaborazione di Giovanni Giannì e Giovanna Zacco, Francis Maere Fine Arts Gallery, al primo piano dell’Hotel Falligan – Gand (Belgio).

2012: “Il Silenzio delle Nuvole”, la galleria festeggia 20 anni di attività con una mostra-evento con più di 40 artisti

2004: “Mediterranei”, collettiva curata da Maurizio Sciaccalunga, Lo Magno artecontemporanea – Modica (RG)

Opere Uniche

Multipli d’autore

Helsinki Litho

EMANUELE GIUFFRIDA

Emanuele Giuffrida, The Atomic (s)cum

2024

olio su tela, 150x105cm

ESSENTIAL

Emanuele Giuffrida (Gela, 1982) vive e lavora a Palermo. Studia Arti Visive all’Accademia di Belle Arti di Palermo conseguendo la laurea specialistica in pittura nel 2007. La sua arte si sviluppa attraverso la pittura che, al servizio dell’immagine e del suo impatto estetico e comunicativo, riesce ad abbracciare sia i valori della figurazione tradizionale che i linguaggi di oggi, ottenendo così un proprio codice espressivo. La sua ricerca fiorisce con cicli di lavori riconducibili a un presente carico di memorie proprie e di esperienze intime, un racconto di sé, della propria visione dei luoghi e delle cose. Sviluppo della sua pratica pittorica è l’insistente indagine del proprio background che si traduce in costante sperimentazione. Il suo lavoro è stato esposto in diverse mostre collettive in Italia e all’estero. Nel 2019 è stato tra i finalisti dell’ottava edizione della Fondazione VAF premio, ottenendo la menzione speciale dai membri della giuria. Ha partecipato a numerose mostre e fiere d’arte in Italia e all’estero. Ultime mostre: Triste, Solitario y Final, a cura di Vittorio Sgarbi, Museo di Palazzo Doebbing, Sutri (VT); Pittura Segreta, a cura di Cesare Biasini Selvaggi, Fondazione The Bank, Bassano del Grappa (VI).

 

 

EN

 

Emanuele Giuffrida (Gela, 1982) lives and works in Palermo. He studied Visual Arts at the Academy of Fine Arts in Palermo, obtaining a specialist degree in painting section in 2007. His art develops through painting which, at the service of the image and its aesthetic and communicative impact, embraces the values of traditional figuration up to nowtoday’s languages, thus getting its own expressive code. His research surfacing in a series of works that can be traced back to a present filled of memories of own experience, as a story of oneself, of one’s vision of places and things. An investigation of his own background thanks to which he develops his research and pictorial experimentation. His work has been exhibited in several group exhibitions in Italy and abroad. In 2019 he was among the finalists of the eighth edition of the VAF Foundation award, obtaining the -special mention award- by jury members. He has participated in several exhibitions and art fairs in Italy and abroad. Latest exhibition: Triste, solitario y final, curated by Vittorio Sgarbi, Museum of Palazzo Doebbing, Sutri (VT)

 

 

TOGETHER

 

2023: ArtVerona, two-person show, stand Lo Magno artecontemporanea 13-15 ottobre.

2023: By Surfacing, group show, curated by Lo Magno artecontemporanea, ArteFiera Bologna, Main Section, 3-5 febbario.

2022: Le Cento Sicilie, group show, curated by Diego Cavallaro and Tonino Cannata, Ex Convento del Carmine, Modica (RG)

2022: 30×30 group show, curated by Giuseppe Lo Magno and Valeria D’Amico, Lo Magno artecontemporanea, Modica (RG)

2021: Showcase Exhibition/2, group exhibition, curated by Aldo Premoli and Giuseppe Lo Magno, Lo Magno artecontemporanea (Modica)

2021: Le Cento Sicilie, group show, curated by Diego Cavallaro and Tonino Cannata, Ex Convento del Carmine, Modica (RG)

2021: Le Cento Sicilie, group show, curated by Diego Cavallaro and Giuseppe Vella, Palazzo Ciampoli di Taormina

2020: Showcase Exhibition 1, group exhibition, curated by Giuseppe Lo Magno, Lo Magno artecontemporanea (Modica)

2020: The White Sheet, ArteFiera Bologna, curated by Rischa Paterlini and Giuseppe Lo Magno

2018: Out-Side, solo show, curated by Rischa Paterlini and Giuseppe Lo Magno, Lo Magno artecontemporanea (Modica)

2016: TIME OUT, group show, Lo Magno artecontemporanea, Modica (RG)

 

 

ABOUT

 

The possibilities of an island, by Ivan Quaroni. Catalog of the exhibition “The hundred

Sicilies”.

The reality of invisible things, by Rischa Paterlini. Catalog of the personal exhibition

“Outside”.

“Emanuele Giuffrida”, by Klaus Wolbert. Catalog of the eighth VAF Foundation award.

The practice of painting (expertise and research in contemporary Sicily), by Ivan Quaroni.

Catalog of the exhibition.

“Interview with Emanuele Giuffrida”. Untitledv.com.

“Emanuele Giuffrida, so it is (if you like)”, by Cesare Biasini. Article on Exibart.com.

“InArt – interview with Emanuele Giuffrida”, by Caterina Portovenero. infoOggi.it

Water Bullets Studies

Study for Etna ’80

View of Arte Fiera 2023 booth

Study for the Yellow Album

Outside Circus

White Sheet

View of Arte Fiera 2020 booth

The Pack

The Players

Triste, Solitario y Final Museum of Palazzo Doebbing, Sutri (VT) 2023.

Andrea Cerruto

Andrea Cerruto, Óra, olio su tela, 30×22 cm

Andrea Cerruto, Occhiolà, 2024

installazione: taccuino, inchiostro, lentino contafili, 13×18 cm

da dx

Installazione “The Hive” Andrea Cerruto ;  “Casamari, Proteggimi”, Sandro Bracchitta

ESSENTIAL

 

Andrea Cerruto nasce a Modica nel 1979. Si forma all’Accademia di Belle Arti di Roma e poi di Milano. La sua ricerca ruota intorno alla pratica del disegno e della pittura. Processi lunghi, stratificati, materici. Andrea crede che il concepimento di ogni opera obbedisca a delle regole legate alla sua memoria, alla sua storia personale, al suo immaginario e dunque tutto potrebbe sottrarsi alla funzionalità dove non è necessaria una narrativa e dove è difficile prevederne gli sviluppi. Le regole legate alla sua memoria, il suo lento processo creativo, l’affascinante idea del costruire si può metaforicamente associare al funzionamento del mondo delle api dove, il processo e l’opera finita, hanno uguale valenza e dove quest’ultima diventa la materializzazione del processo stesso e si sottrae (pur nella sua deperibilità) allo scorrere del tempo.

Si esibisce in tutta Italia e all’estero. Segnaliamo l’ultima mostra collettiva, 2022, (Milano Fashion Week) “Trinacria”, Cittadella degli Archivi di Milano a cura di Isorropia Homegallery and Martina Lolli.

Dopo lunghi anni di residenza a Cadorago (Co), oggi vive e lavora a Modica.

 

EN

 

Andrea Cerruto was born in Modica in 1979. He trained at the Academy of Fine Arts in Rome and then in Milan. His research revolves around the practice of drawing and painting. Long, layered, material processes. Andrea believes that the conception of each work obeys rules linked to his memory, his personal history, his imagination and therefore everything could escape functionality where a narrative is not necessary and where it is difficult to predict its developments. The rules linked to his memory, his slow creative process, the fascinating idea of building can be metaphorically associated with the functioning of the world of bees where the process and the finished work have equal value and where the latter becomes the materialisation of the process itself and escapes (despite its perishability) the passage of time.

He performs throughout Italy and abroad. We would like to highlight the latest collective exhibition, 2022, (Milan Fashion Week) “Trinacria”, Cittadella degli Archivi in ​​Milan curated by Isorropia Homegallery and Martina Lolli.

After long years of residence in Cadorago (Co), today he lives and works in Modica.

 

TOGETHER

 

2022: 30×30 Group Exhibition, Lo Magno artecontemporanea festeggia i 30 anni di attività, a cura di Giuseppe Lo Magno e Valeria D’Amico.

2021: “Showcase Exhibition/2” virtual group exhibition con un tributo a Piero Guccione, curata da Aldo Premoli e Giuseppe Lo Magno, Lo Magno artecontemporanea, Modica (RG)

2021: “The Hive” site specific installation, progetto curato da Giuseppe Lo Magno, allestito negli spazi dall’anima rurale di via Musebbi Calicantone – Modica, evento organizzato da Lo Magno artecontemporanea durante il periodo estivo per ringraziare amici, artisti, collaboratori, collezionisti e viandanti del loro contributo.

2020: Lo Magno artecontemporanea per la 44ma edizione di Arte Fiera Bologna 2020, stand C/25 padiglione 15, presenta “HIVE” di Andrea Cerruto e “White Sheet” di Emanuele Giuffrida progetti curati da Rischa Paterlini e Giuseppe Lo Magno

2020: “Showcase Exhibition” virtual group exhibition lomagnoartecontemporanea.it, curata da Giuseppe Lo Magno, Lo Magno artecontemporanea, Modica (RG)

2016: “TIME OUT” collettiva di 5 artisti: Rosario Antoci, Davide Bramante, Andrea Cerruto, Gianni Di Rosa, Emanuele Giuffrida, Francesco Lauretta; Lo Magno artecontemporanea, Modica (RG)

2012: “Il Silenzio delle Nuvole”, la galleria festeggia 20 anni di attività con una mostra-evento
Quaranta circa gli artisti presenti, due vernissage – uno in primavera con gli artisti “storici” e l’altro in autunno con i “giovani” a cura di Antonio D’Amico, Lo Magno artecontemporanea – Modica (RG)

 

 

Booth View | ArteFiera 2020

Installazione “The Hive” Andrea Cerruto